NOVITA' FISCALI
Applicazione delle disposizioni concernenti i Pir (Piani di risparmio a lungo termine)
Venerdì, 9 Marzo , 2018
La legge di Bilancio 2017 ha introdotto la disciplina agevolativa Pir (Piani di risparmio a lungo termine) che prevede un regime di non imponibilità dei redditi di capitale e diversi di natura finanziaria derivanti da investimenti, operanti tramite piani individuali di risparmio a lungo termine che rispettino le caratteristiche previste dalle norme, nonché un regime di non imponibilità ai fini delle imposte di successione. L’obiettivo della norma è indirizzare il risparmio delle famiglie verso gli strumenti finanziari delle imprese industriali e commerciali italiane ed europee. L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 3/E del 26 febbraio 2018, affronta le problematiche emerse nel corso del primo anno di applicazione della disciplina fornendo i relativi chiarimenti. Per beneficiare delle agevolazioni fiscali cioè del regime di detassazione sui redditi generati è necessario il rispetto di specifici vincoli di composizione, limiti di concentrazione e divieti. Possono beneficiare delle agevolazioni fiscali le persone fisiche fiscalmente residenti in Italia che conseguono redditi di natura finanziaria al di fuori dell’esercizio di un’attività d’impresa. Ogni contribuente non può essere titolare di più Pir e il limite massimo dell’importo investito non può superare il tetto annuo di 30mila euro e il limite complessivo di 150mila euro. Le regole che disciplinano i Pir prevedono in primis il vincolo di permanenza dell’investimento per almeno 5 anni (holding period). In caso di dismissioni anticipate il reddito prodotto dal Piano viene tassato secondo le regole ordinarie. Le imposte dovute unitamente agli interessi devono essere versate dall’intermediario presso il quale il Piano è stato aperto entro il giorno 16 del secondo mese successivo alla cessione, mediante F24. Solo trascorsi i 5 anni di durata dell’investimento (holding period) si consolida il regime di non imponibilità, relativamente ai redditi che si sono prodotti medio tempore. In caso di cessione degli strumenti finanziari oggetto di investimento nel Pir prima dei cinque anni, sarà possibile permanere nel Pir e beneficiare delle agevolazioni fiscali con il reinvestimento entro 90 giorni in altri strumenti finanziari. La conseguenza è che i redditi derivanti dall’investimento ceduto, medio tempore conseguiti, non sono soggetti a recapture (ripresa a tassazione) e i redditi percepiti al momento della cessione non sono soggetti a imposizione. Inoltre, per la verifica del rispetto del limite annuale di 30mila euro e di quello complessivo di 150mila euro, il reinvestimento del corrispettivo conseguito con la cessione non deve essere considerato come un nuovo investimento. Se il titolare del Pir trasferisce all’estero la propria residenza fiscale, la defiscalizzazione di redditi finanziari generati dal Pir fino a quel momento può essere mantenuta, anche con riferimento a quei titoli che non hanno ancora maturato il quinquennio di detenzione. Per non decadere dall’agevolazione, tuttavia, il soggetto fiscalmente espatriato deve continuare a mantenere la titolarità degli strumenti finanziari senza cambiare intestazione fino a raggiungere i cinque anni. Il calcolo dell’holding period si interrompe invece laddove i titoli siano rimborsati o ceduti. La morte del titolare del Pir comporta la chiusura del Piano. In tal caso non si applica la recapture sui profitti esentati fino alla scomparsa del risparmiatore.
(Vedi circolare n. 3 del 2018)

NOVITA'
DOCUMENTO commissione
QUESTIONI URGENTI:
Breve analisi delle principali criticità dei provvedimenti a carattere economico contenuti nel DL. 189/2016 e successivi provvedimenti
allegato
16 LUGLIO 2018
18 LUGLIO 2018
20 LUGLIO 2018
23 LUGLIO 2018
25 LUGLIO 2018
30 LUGLIO 2018
31 LUGLIO 2018
cOrganismo per la composizione della crisi da sovraindebitamento elearning odcec MACERATA-CAMERINO
Residenza fiscale all’estero prima dell’impatrio per i soggetti di cui all’art. 16, comma 2, del Dlgs 147/2015
L’Agenzia delle Entrate dedica la risoluzione n. 51/E del 6 luglio 2018 al regime speciale per i lavoratori ...continua

Ente di Previdenza dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati – ridenominazione e soppressione delle causali contributo per il versamento dei contributi di spettanza dell’Ente
Con la risoluzione n. 52/E del 9 luglio 2018 l’Agenzia delle Entrate ha ridenominato e soppresso gran parte ...continua

Ente Bilaterale UNCI-Confsal – sospensione della causale contributo ‘EBUC’
L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 53/E del 9 luglio 2018, rende noto che a partire dal 18 luglio ...continua

Iva – Chiarimenti sulle modalità di presentazione delle istanze di interpello finalizzate alla esclusione o alla inclusione di soggetti passivi d’imposta in un Gruppo Iva
La partecipazione di più soggetti passivi d’imposta ad un Gruppo Iva richiede la coesistenza tra gli stessi ...continua

Credito di imposta per investimenti in attività di ricerca e sviluppo
Con la risoluzione n. 46/E del 22 giugno 2018 l’Agenzia delle Entrate risponde all’interpello formulato da ...continua