NOVITA' FISCALI
Utilizzo in compensazione di un credito inesistente, gi recuperato in ambito accertativo e sanzionato
Venerdì, 11 Maggio , 2018
Con la risoluzione n. 36/E dell8 maggio 2018 lAgenzia delle Entrate risponde ad un quesito formulato dallufficio Accertamento di una Direzione Regionale in merito al trattamento sanzionatorio da adottare a seguito dellutilizzo in compensazione dei crediti Iva inesistenti, gi recuperati in ambito accertativo e sanzionati per illegittima detrazione e infedele dichiarazione. Lufficio ha chiesto di chiarire se, nellipotesi prospettata, debba essere irrogata anche lulteriore sanzione di cui allart. 13, comma 5, del Dlgs 471/1997. La riforma del sistema sanzionatorio amministrativo, introdotta proprio allarticolo 13 del decreto legislativo citato, ha portato una definizione normativa di credito inesistente e uno specifico regime sanzionatorio dedicato agli omessi versamenti. Si definisce inesistente il credito al quale manca il presupposto costitutivo e la cui inesistenza non sia riscontrabile mediante controlli. Dal Decreto legislativo 471/1997 e dal decreto legge 185/2008 emerge la volont del legislatore di dettare una disciplina speciale per sanzionare e recuperare il credito che, artificiosamente creato, stato utilizzato in compensazione nei modelli F24. In tal caso, poich linesistenza del credito non riscontrabile partendo dal controllo delle dichiarazioni fiscali, le modalit di recupero dello stesso non possono che essere la notifica di apposito atto di recupero. Viceversa, laddove il credito inesistente da eccedenze dimposta sia stato esposto in dichiarazione e successivamente utilizzato, si deve procedere unicamente con lemissione dellatto di accertamento in rettifica della dichiarazione. Dopo le modifiche del Decreto legislativo 158/2015, detta sanzione stata aggravata qualora la violazione venga realizzata mediante lutilizzo di fatture false o mediante artifici o raggiri. Nella fattispecie prospettata non deve essere sanzionato, in aggiunta a quanto recuperato in ambito accertativo e sanzionato quale infedele dichiarazione ed illegittima detrazione, anche il successivo utilizzo in compensazione del credito inesistente.
(Vedi risoluzione n. 36 del 2018)

NOVITA'
DOCUMENTO commissione
QUESTIONI URGENTI:
Breve analisi delle principali criticità dei provvedimenti a carattere economico contenuti nel DL. 189/2016 e successivi provvedimenti
allegato
19 DICEMBRE 2018
20 DICEMBRE 2018
27 DICEMBRE 2018
31 DICEMBRE 2018
cOrganismo per la composizione della crisi da sovraindebitamento elearning odcec MACERATA-CAMERINO
Reddito di lavoro dipendente Detassazione Premi di risultato
LAgenzia delle Entrate dedica la risoluzione n. 78/E del 19 ottobre 2018 ai premi di risultato e alle misure ...continua

Il trattamento fiscale dei Classic Repo
LAgenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 79/E del 23 ottobre 2018, ha chiarito che i proventi derivanti ...continua

Cessione di diritti volumetrici Agevolazioni Imposte di registro, ipotecaria e catastale
Con la risoluzione n. 80/E del 24 ottobre 2018 lAgenzia delle Entrate risponde ad un interpello nel quale un ...continua

Regime speciale per i lavoratori impatriati attivit lavorativa prestata allestero in posizione di distacco chiarimenti
Una societ chiede chiarimenti in merito al regime fiscale agevolato previsto per i lavoratori impatriati, ...continua

Trattamento fiscale agli effetti dellIva per le attivit socio-educative svolte da unazienda agricola
Con la risoluzione n. 77/E del 16 ottobre 2018 lAgenzia delle Entrate fornisce chiarimenti in merito al ...continua