NOVITA' FISCALI
Regime speciale per i lavoratori impatriati attivit lavorativa prestata allestero in posizione di distacco chiarimenti
Venerdì, 19 Ottobre , 2018
Una societ chiede chiarimenti in merito al regime fiscale agevolato previsto per i lavoratori impatriati, disciplinato dallarticolo 16 del Dlgs n. 147/2015. Le delucidazioni riguardano, in particolare, la limitazione posta dalla circolare n. 17/E/2017 che esclude dallaccesso allagevolazione i lavoratori che rientrano in Italia da distacchi allestero. La societ si domanda se la richiamata preclusione al regime speciale prevista per gli impatriati possa trovare applicazione nel caso sottoposto vista la lunga assenza del dipendente dal territorio italiano, la presenza di distacchi successivi e di assunzioni locali per posizioni di volta in volta differenti che dimostrano un percorso di carriera internazionale. Il regime speciale prevede che i redditi di lavoro dipendente e autonomo prodotti in Italia concorrano alla formazione del reddito complessivo nella misura del 50%. Lagevolazione temporanea e applicabile per un quinquennio a decorrere dal periodo di imposta in cui il lavoratore trasferisce la residenza fiscale in Italia e per i quattro anni successivi. Destinatari del beneficio fiscale sono i cittadini Ue o extra-Ue in possesso di un titolo di laurea con almeno due anni di attivit di lavoro dipendente o di impresa allestero. Lagevolazione interessa anche chi ha svolto continuativamente unattivit di studio fuori dallItalia negli ultimi 24 mesi o pi, al fine di conseguire un titolo di laurea o una specializzazione post lauream. Per fruire del beneficio fiscale linteressato, per i due periodi di imposta antecedenti quello in cui si rende applicabile lagevolazione, non deve essere stato iscritto nelle liste anagrafiche della popolazione residente e non deve aver avuto nel territorio dello Stato il centro principale dei propri affari e interessi, n la dimora abituale. Ma larticolo 16 del Dlgs n. 147/2015 non disciplina esplicitamente la posizione del soggetto distaccato allestero che rientri in Italia. Con la circolare n. 17/E/2017 lAgenzia ha chiarito che i soggetti che rientrano in Italia dopo essere stati distaccati allestero non possono fruire dellagevolazione in considerazione della situazione di continuit con la precedente posizione lavorativa in Italia. La posizione restrittiva adottata nella citata circolare non preclude, tuttavia, la possibilit di valutare specifiche ipotesi in cui il rientro in Italia non sia conseguenza della naturale scadenza del distacco ma sia determinato da altri elementi. Ci pu avvenire, ad esempio, quando il distacco sia pi volte prorogato e, la sua durata nel tempo, determini un affievolimento dei legami con il territorio italiano e un effettivo radicamento allestero. Oppure, quando il rientro in Italia del dipendente non si ponga in continuit con la precedente posizione lavorativa in Italia. In tali ipotesi lAgenzia ritiene che le peculiari condizioni di rientro dallestero dei dipendenti, non precludano ai lavoratori in posizione di distacco laccesso al beneficio ex art. 16 Dlgs n. 147/2015. Per quanto riguarda il caso esposto in cui il lavoratore dipendente un cittadino italiano in possesso di titolo di laurea, trasferitosi allestero dal 2004 per distacco e rientrato nel settembre 2015, lAgenzia ritiene che ricorrano i presupposti per cui linteressato possa essere ammesso a beneficiare dellagevolazione in argomento dal 2016, anno di acquisizione della residenza fiscale in Italia.
(Vedi risoluzione n. 76 del 2017)

NOVITA'
Istanze di accesso alle banche dati dell'Agenzia delle Entrate, istanze di accesso documentale e istanze di accesso civico - Decreto Legge 17 marzo 20
Nota a firma del Direttore dell'Agenzia Regionale delle Entrate Dott. Roberto Egidi
allegato
27 Maggio 2020
cOrganismo per la composizione della crisi da sovraindebitamento elearning odcec MACERATA-CAMERINO
Decreto legge Cura Italia e decreto legge Liquidit Chiarimenti Ulteriori risposte a quesiti 45

1 PREMESSA

Dopo lemanazione del decreto Cura Italia e del decreto ...continua

Chiarimenti in merito alla prova delle cessioni intracomunitarie Art. 45-bis del Regolamento Ue di esecuzione n. 282/2011 (Regolamento Iva)

Premessa

Con la circolare n. 12/E del 12 maggio 2020 lAgenzia delle Entrate ...continua

Istituzione del codice tributo per il versamento dellimposta sostitutiva dellIrpef per i trasferimenti dallestero al Mezzogiorno dItalia
LAgenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 19/E del 21 aprile 2020, ha istituito il codice tributo 1899 ...continua

Modello F24 Elide soppressione della causale contributo APEV
Su richiesta dellInps, lAgenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 20/E del 21 aprile 2020, ha disposto ...continua

Erogazioni liberali in denaro effettuate alla Presidenza del Consiglio Dipartimento della Protezione Civile Decreto legge Cura Italia
LAgenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 21/E del 28 aprile 2020, fornisce chiarimenti in merito alle ...continua